Vacanza enogastronomica in Toscana? Perché hai fatto la scelta giusta

Perdersi tra le inconfondibili colline toscane, ammirare i paesaggi scanditi dai cipressi, attraversare borghi e paesaggi rurali ricchi di storia, cultura e buona tavola: come non farsi tentare? Passare una vacanza enogastronomica in Toscana significa lasciarsi coinvolgere dalla tradizione, dalla bontà di una cucina più unica che rara e dalla bellezza di luoghi incantevoli e suggestivi. Vediamo insieme come viaggiare tra i “sapori d’autunno” di questa regione e come scegliere un soggiorno all’insegna della buona tavola.

3 motivi per fare una vacanza in Toscana “di gusto”

In Italia abbiamo il privilegio di avere una solida cultura enogastronomica, ricca di tradizioni e sapori nostrani: ogni regione offre la sua storia che lega cibo, bevande e luoghi di produzione. E sono proprio questi aspetti spesso a dirigere la scelta di passare una piacevole e gustosa vacanza in Toscana, magari anche solo per un fine settimana! Ecco dunque cosa non farti sfuggire nel tuo prossimo weekend fuoriporta.

  1. Cibo: ottobre è il mese in cui si iniziano a raccogliere le olive e a procedere con le prime frangiture per ottenere il tipico olio extra-vergine d’oliva toscano; è tempo dei funghi e soprattutto delle castagne, con particolare riguardo alle zone del Mugello, del Casentino e del Monte Amiata che hanno ottenuto il marchio IGP. E della Maremma che dire? Ad ottobre offre colori, profumi e sapori tutti da scoprire!
  2. Vino: il decimo mese dell’anno è anche il periodo della vendemmia e dei primi vini novelli. Per fare qualche esempio delle bottiglie toscane più rinomate: il Brunello di Montalcino, il Chianti, il Nobile di Montepulciano e il rosso di Sangiovese, il Morellino di Scansano, le cantine della Maremma e tra i bianchi la Vernaccia di San Gimignano, il bianco dell’Elba e quello di Pitigliano. Quanti buoni motivi dunque per pensare ad una vacanza enogastronomica in Toscana? Girando per cantine, casali e ristoranti hai la possibilità di attraversare e vivere dei paesaggi collinari mozzafiato!
  3. Località: eventi, fiere e sagre in Toscana sono la giusta cornice alla stagione più suggestiva dell’anno. Passare di borgo in borgo in questo periodo vuol dire trovare luoghi meno affollati e costi minori: avrai quindi a totale disposizione tutta la bellezza e i vantaggi dei mesi estivi, con un po’ più di fresco e tranquillità! Covid19 e norme di sicurezza permettendo, puoi scegliere di pianificare un breve itinerario alla volta della Garfagnana, del Chianti o della Valle del Casentino, in Maremma, nel Mugello o all’Elba.

Re Sugo: una vacanza enogastronomica perfetta!

Nella provincia di Grosseto puoi trovare la cosiddetta “finestra sulla Maremma del Gusto” nonché il Ristorante Re Sugo, voluto da Tommaso Guicciardini – dell’antica famiglia Guicciardini Corsi Salviati – e Valentina Mancini. Insieme hanno dato vita ad una location che sposa i sapori della cucina maremmana con una vena di moderna creatività, volta ad esaltare il gusto della tradizione. Qui puoi dunque assaporare le prelibatezze di salumi e formaggi locali, il famoso tortello maremmano, l’immancabile cinghiale previsto dal menù e un’ottima selezione di vini toscani.

Se vuoi rimanere in zona puoi sempre soggiornare presso l’adiacente Resort Le Versegge, immerso nel verde della campagna, a soli 20 minuti dal mare e trascorrere finalmente un weekend in totale relax.