Ecco una guida alle feste e alle sagre in Toscana che non puoi perderti!

In Maremma, come ogni territorio ricco di storia, è importante tramandare le tradizioni. Per questo sono molto seguite le Sagre paesane. In determinati periodi, queste feste sono l’occasione per arricchire le vacanze con una nota di piacevole folklore. Ecco quindi alcune delle feste e sagre in Toscana che non puoi perderti!

Il Maggio è la festa tipica della Maremma. Occasione coloratissima da non perdere

Il Maggio è per la Maremma una cosa seria. Questo mese preannuncia il periodo estivo e quindi anche il raccolto, il momento più importante dell’economia agricola, insieme alla vendemmia e alla raccolta delle olive. Il Primo di Maggio è anche la festa dei lavoratori che, in Maremma, è un evento molto sentito. È quindi un periodo dove è tradizione festeggiare tra podere e podere, fra le frazioni di campagna, con pranzi e canti all’aperto.

Squadre di cantori e cantastorie detti Maggerini, si muovevano attraverso i poderi maremmani con pochi strumenti musicali, per mettere in scena dei canti in ottava rima e senza partitura, “cantando a canovaccio” e improvvisando storie. Ogni squadra poteva contare sulle capacità di un poeta (così chiamato tutt’ora) che inventava al momento le rime declamate e che spesso erano dedicate ad eventi realmente capitati nel podere stesso. Spesso poteva esserci anche una risposta, rigorosamente in rima, da parte di un altro esponente della famiglia contadina. Si andava avanti così per molto tempo, fin quando non si imbandiva la tavola per una festa conviviale dove il cibo e il vino, più di ogni cosa, erano un elemento di scambio ed amicizia.

Nel paese di Braccagni una forte tradizione del Maggio

Il Maggio non è andato perduto e sono molti i gruppi in Maremma che condividono questa consuetudine. Il primo del mese a Braccagni, a due passi dalla Residenza Le Versegge, è possibile partecipare a questa festa campagnola in mezzo ad un fascinoso oliveto. I poeti sono pronti a dimostrare tutta la loro bravura canora e, come se il tempo non fosse mai passato, ecco tutta la loro abilità nel recitare queste bellissime storie in rima

Feste e sagre in Toscana: dal Maggio alle sagre di paese

Di feste e sagre in Toscana ce ne sono tante, come sono tante le occasioni per fare festa in Maremma. I paesi si alternano, dalla primavera all’autunno, nel dare sfoggio delle proprie tradizioni popolari. Il cibo, il canto e il ballo, sono i temi sui quali giocare il programma della festa.

  • Temi gastronomici che vanno dalla selvaggina alle paste all’uovo fatte in casa. Ma anche cucina povera come le lumache o la trippa, sono argomenti gastronomici a tema che è bello scoprire per la prima volta.
  • Balli in piazza dove tutti possono prendere parte ad un liscio oppure ad un tango sensuale.
  • Musica di ogni genere: dalla musica folk italiana a quella più attuale e giovanile. Grosseto e la Maremma hanno nel loro DNA, un grande senso canoro e musicale.

Festambiente, una festa a misura di Maremma

Legambiente è il promotore di Festambiente a Rispescia, un festival della natura, della buona e corretta gastronomia e della musica con concerti di affermati artisti internazionali. Un evento importante che coinvolge sessanta mila spettatori e mette in programma un ricco numero di attività ricreative e culturali. È qualcosa di veramente eclettico se si pensa che vi sono stabili laboratori creativi, mostre gastronomiche, work shop dedicati alla scienza e alla ricerca, all’agricoltura sostenibile, ai buoni prodotti delle attività contadine. Una festa di rispetto ed educazione al buon rapporto con la natura. La Maremma, che della natura è il miglior ambasciatore, non poteva che essere l’epicentro di questa imponente kermesse dedicata al bene dell’ecologia.

La Sagra più bella: Caldana e lo charme autunnale

Caldana è un piccolo ed elegante paese inserito in quella parte della Maremma che va sotto il nome delle “Colline Metallifere” per la presenza delle vicine miniere dismesse di pirite, minerale idoneo alla produzione dell’acido solforico. Ma oggi Caldana è un ridente borgo turistico. La sua particolarità sta nel sottosuolo, non certamente per la presenza di metalli ferrosi, ma grazie al vino. Il paese è interamente attraversato da profonde cantine scavate nel tufo. Qui il vino trovava l’ambiente ideale per essere invecchiato. Oggi queste “spelonche” private si aprono alla vista grazie alla Sagra di Autunno nella seconda e terza settimana di Ottobre. La Sagra di Caldana ha come tema il vino nuovo e la castagna bruciata, due protagonisti della stagione. La bellezza di questa festa è che le case dei caldanesi, accolgono il pubblico:

  • Cantine aperte e degustazioni dopo aver sceso tanti scalini;
  • Mostre adibite nelle chiese o nei luoghi comuni;
  • Degustazioni gastronomiche (da non farsi sfuggire le schiaccine calde che vengono cotte in un forno dai proprietari di una antica casa medievale e farcite con prosciutto, salame o capocollo);
  • La banda del paese che suona con l’entusiasmo di componenti di tutte le età;
  • Il vino nuovo e le bruciate che cuociono su grandi padelle bucate;
  • Cene in taverne improvvisate mangiando piatti meravigliosi come l’acqua cotta o i tortelli di ricotta e spinaci.

Una sagra reale, vera ed ispirata dall’accoglienza di far conoscere il paese, aprire le case e regalare ai passanti un momento di scambio e autentica festa.

Consigli per un fine settimana in Maremma alla ricerca di una sagra tradizionale

vacanze in MaremmaVuoi passare delle incantevoli vacanze in Maremma e con l’occasione fare un tour delle feste e delle sagre in Toscana? L’ideale è trovare una struttura ricettiva e affidarsi ad essa per programmare la propria vacanza. I paesi organizzatori di feste sono tanti: Da Roccastrada a Montemassi, da Montepescali a Massa Marittima (famosa questa per il Balestro del Girifalco: una gara al bersaglio tra i quartieri della città).

Potete prenotare alla Residenza Le Versegge, Resort di charme che si trova proprio al centro della cerchia dei paesi più belli e mettervi nelle mani e nei consigli di Ilaria Krismer che saprà creare per voi il programma migliore. Evitare la sagra turistica è fondamentale ed è quindi importante pianificare bene la vacanza. Quando la Maremma delle sagre chiama, è bene arrivarci preparati e con la consapevolezza di trovare quello che si cerca. L’autenticità in primis.